Ordine dei Chimici di Roma

Via delle Quattro Fontane, 16 - 00184 Roma - Tel. 06.48.90.67.08 -  segreteria@chimiciroma.it Tutti i contatti

Comunicati Stampa

Comunicato Stampa: Manifestazione "Noi Professionisti"

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Maggio 2017 14:57

L’Ordine dei Chimici del Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise in piazza a Roma per chiedere un equo compenso per le prestazioni professionali.
Roma - Sono oltre 130 gli Ordini professionali territoriali che hanno aderito alla manifestazione che si terrà a Roma Sabato 13 maggio è condiviso la piattaforma rivendicativa per chiedere al Governo e al Parlamento l’introduzione di norme sull’equo compenso. Tra questi c’è anche l’Ordine dei chimici del Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise. Si tratta di una manifestazione che nasce dal bisogno di tutelare la qualità dei servizi offerti alla clientela, i costi di gestione delle attività che vengono svolte e un reddito accettabile a chi esercita nella legalità, le professioni. Condizioni queste che senza una determinazione dei minimi tariffari non possono essere assicurate. Insomma, anche secondo i CHIMICI PROFESSIONISTI, le prestazioni professionali di qualità, non possono essere garantite senza un adeguato compenso. E ciò nell’interesse dei professionisti ma soprattutto dell’intera società.
SABATO 13 MAGGIO, IL CORTEO PARTIRÀ (INTORNO ALLE 10.00) DA PIAZZA DELLA REPUBBLICA A ROMA E SI CONCLUDERÀ IN PIAZZA SAN GIOVANNI.
“Si tratta di un appuntamento importante – ha dichiarato il presidente dell’Ordine, dottor  Fabrizio Martinelli – e per questo chiedo a tutti gli iscritti di partecipare in massa all’iniziativa di Roma. La piattaforma rivendicativa che accompagna la manifestazione indetta da “NOI PROFESSIONISTI” va condivisa totalmente – ha aggiunto Martinelli – perché ognuno di noi, che esercita questa attività, negli ultimi dieci anni, ha avuto un elevatissimo taglio del reddito che ha inciso notevolmente sulla gestione delle imprese tant’è che molti hanno dovuto chiudere i battenti”.

 

alt

Ecco il Consigliere Dottor Bubbico, durante la manifestazione del 13 maggio 2017.

 

COMUNICATO STAMPA

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Maggio 2016 11:42

IL FUTURO DELLE POLITICHE AMBIENTALI ALLA LUCE DEI RISULATATI DELLA COP 21. RISCHI SOCIALI ECONOMICI ED AMBIENTALI: L'IMPORTANZA DEONTOLOGICA DEI MEDIA PER ACCRESCERE LA CONOSCENZA NEI CITTADINI DEI PIANI DI ADATTAMENTO UTILI A RIDURNE L'IMPATTO. 

 

altAppuntamento congiunto chimici – giornalisti per una giornata di aggiornamento professionale ospitata dall’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Cassino (FR) È stato questo il tema al centro della giornata di formazione promossa dall’Ordine dei giornalisti del Lazio congiuntamente all’Ordine dei Chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, che si è svolta nell’Ateneo cassinate. Ad animare la discussione, il professor Tommaso Polidoro, Presidente del Gruppo Romano Uffici Stampa per la formazione ed artefice principale della giornata seminariale. Molti gli spunti ed i momenti di riflessione emersi nel susseguirsi degli approfondimenti; del difficile mestiere dei giornalisti e del loro ruolo nella società, della deontologia nei media per accrescere la conoscenza dei cittadini sui temi climatici e ambientali, ha parlato Giovanni Mancinone ex vice caporedattore della Rai di Campobasso e cronista esperto in tematiche ambientali, ha ricordato come i colleghi, nel loro lavoro quotidiano, debbano evitare facili suggestioni senza però omettere di elencare i rischi che derivano dal comportamento scorretto dell’uomo, evitando di creare allarmismi. Tra i relatori, anche  il giornalista Stefano Zago, direttore di TeleAmbiente ha parlato delle novità introdotte sul tema con l’accordo di Parigi sul Clima. Il chimico Alessia Rocchi, tesoriere dell’Ordine dei chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, esperta di Energy management si è soffermata nel fornire i dati registrati nelle quattro regioni rappresentate nell’Ordine. Il dottor Fabrizio Martinelli, presidente dell’Ordine dei chimici di Roma, ha parlato di regole da rispettare e di valori da non superare per evitare il surriscaldamento del Pianeta, e del ruolo centrale che il chimico professionista riveste nel settore energetico, ed ha dichiarato: “È ormai consuetudine per il nostro Ordine organizzare eventi di interesse trasversale, su tematiche di attualità, rivolto a tutti i colleghi professionisti operanti sul territorio”

 

 

Nota stampa Assessore alle politiche ambientali di Formia

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Dicembre 2015 13:19

 

Inseriamo in allegato la nota stampa dell'Assessore alla politiche ambientali del comune di Formia Maria Rita Manzo.

 

altIl Quotidiano di Latina

 

altLatina Oggi

 

   

Conferenza stampa 27.11.2014

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Giugno 2015 11:22

Roma, Palazzo Madama - Sala Caduti di Nassiriya

Si è svolta al Senato, nella sala 'Caduti di Nassiriya' la conferenza stampa di presentazione del Convegno Annuale 2014 dell'Ordine Interregionale dei Chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise. Titolo del Convegno, che si svolgerà il 5 dicembre a Palazzo Chigi, è "Da Aprilia ad Adria: Il rischio chimico nelle aziende rifiuti - Professionalità di tutti gli attori".

altLa conferenza stampa moderata dal dr. Luigi Camilloni direttore di Agenparl ha visto gli interventi del Dott. Fabrizio Martinelli, Presidente dell'Ordine Interregionale dei Chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, il Senatore Enrico Buemi (Partito Socialista Italiano), il consigliere dell’Ordine dei Chimici di Roma Dott. Renato Presilla, Il Presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici, Prof. Armando Zingales e il Presidente della Società Chimica Italiana, Prof. Raffaele Riccio.

Presenti in sala anche i Presidenti dell'Ordine dei Chimici di diverse regioni e il Prof. Paul De Bièvre dell'EuCheMS. La conferenza stampa è stata incentrata sul Rischio Chimico, presente in ogni azienda, che non deve essere un alibi per scaricare sulla Chimica tutte le colpe dei disastri ambientali. Fabrizio Martinelli ha più volte ricordato come il chimico sia visto come colui che deturpa l'ambiente, e la Chimica come una scienza che distrugge. Passa così il messaggio del "chimico cattivo", mentre il chimico professionista -ha affermato Martinelli- è la figura più adatta a interfacciarsi con le imprese per la valutazione del rischio chimico.

E’ fondamentale che i tecnici preposti siano in condizione di fornire all’opinione pubblica le necessarie garanzie per arginare la prevalenza dell’approccio allarmista che troppo spesso per eccesso di zelo prevale in presenza di disastri ambientali, il Presidente Martinelli ha  sottolineato l'imprescindibilità dell'etica nella chimica, proprio a livello ideologico.

altIl senatore Buemi ha ricordato che il ruolo del legislatore è quello di “posizionare l'asticella”: il punto da raggiungere, il punto da non superare e soprattutto le responsabilità. Ha inoltre invitato la politica e la magistratura a non prendere decisioni dettate dall'emotività e dalla demagogia, ma basarsi esclusivamente sui dati raccolti dai tecnici qualificati: troppo spesso le leggi vengono scritte senza coinvolgere chi ha la specifica competenza, e la scienza e la tecnica vengono incatenate esclusivamente dall'allarme rischio ambientale, dimenticando che nella "qualità della vita" c'è anche il lavoro e il miglioramento delle condizioni sociali della popolazione.

Dell'eccessiva inflessibilità dei magistrati, quando si tratta di sostanze chimiche, si è lamentato anche Armando Zingales, che ha ricordato come in Italia alcuni rifiuti vengono erroneamente classificati quali pericolosi, e che i chimici, pur avendo chiesto diverse volte audizione ai politici nella formazione delle leggi, non sono stati ascoltati. "E' importante la cultura, altrimenti diventa difficile avere opinioni obiettive senza certezze fondate" sono state le parole del Presidente CNC, che ha ricordato l’importanza dell'aggiornamento degli scienziati chimici, per i quali è stato introdotto l'obbligo di formazione professionale.

La conferenza stampa si è chiusa con un invito da parte di tutti i relatori ad un miglioramento della formazione universitaria della Chimica, che troppo spesso in Italia lascia a desiderare nel percorso formativo, e che trascura "il miglioramento dell'ambiente in cui si vive" come ha dichiarato il Dottor Martinelli.

 

FEBBRAIO 2014

Ultimo aggiornamento Domenica 30 Novembre 2014 16:45

altCS15MOLISE

 

altCS14UMBRIA

 

altCS13ABRUZZO

 

altCS12LAZIO

 

altCS11ABRUZZO

 

altCS10LAZIO

 

altCS09MOLISE

   

Altri articoli...

 

 


 

Ordine Interregionale dei Chimici e dei Fisici del Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise - Via delle Quattro Fontane, 16 - 00184 Roma - Piano Terra

C.F.: 80422850588 - Posta Elettronica Certificata: ordine.lazio@pec.chimici.org

Realizzato da  Webloom srl