-

galleriafoto

Ti trovi qui:

Home > Home > Notizie > Altri Enti > L'Ordine incontra la regione Abruzzo

L'Ordine incontra la regione Abruzzo

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Dicembre 2019 18:53

COMUNICATO STAMPA

 

Riconoscimento della professione sanitaria di Chimico e Fisico,

la Regione Abruzzo apripista: “Si al Tavolo di confronto istituzionale”

 

altIl dialogo è aperto. Ora, alla luce delle Legge 11 gennaio 2018, numero 3, si tratta di definire l’iter istituzionale per arrivare a riconoscere la professione sanitaria di chimico e di fisico anche in Abruzzo. L’argomento è stato al centro dell’incontro che si è svolto a Pescara tra l’Assessore regionale alla Sanità e al Welfare dottoressa Nicoletta Verì e il delegato in Abruzzo dell’Ordine Interregionale dei chimici e dei fisici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, dottor Fabio Caporale. Un confronto proficuo e cordiale su un tema che verrà approfondito nelle prossime settimane e che è destinato a portare benefici sia alla Regione Abruzzo che ai professionisti chimici e fisici che lavorano nel settore pubblico, nelle Agenzie ambientali, nelle Aziende Sanitarie, negli Istituti Zooprofilattici Regionali e che, anche dopo l’approvazione della Legge sul riordino delle professioni, restano ancora inquadrati nel ruolo tecnico.

 

 

 

“ Siamo pronti a prendere in esame le istanze dell’Ordine dei Chimici e dei Fisici – ha dichiarato l’Assessore Verì – e avviare un percorso, attraverso la convocazione di un tavolo istituzionale,  con l’obiettivo di arrivare, anche in Abruzzo, all’applicazione di una legge dello Stato che ha sancito il riordino delle professioni sanitarie”.

 

 

“Sulle nostre istanze ho trovato grande disponibilità e interesse da parte dell’Assessore Regionale alla Sanità e al Welfare dottoressa Nicoletta Verì e sono certo che il dialogo aperto porterà buoni risultati”, ha dichiarato al termine dell’incontro il dottor Fabio Caporale.

 

E il dottor Fabrizio Martinelli, presidente dell’Ordine dei Chimici e dei Fisici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise ha aggiunto: “La disponibilità espressa dall’Assessore Verì apre la strada ad una fattiva collaborazione e confronto fra tutti i portatori di interesse affinché il livello delle prestazioni professionali in Sanità possano così essere interessate dal miglioramento che l’Assessorato vuole perseguire”.

 

La riforma ordinistica è stata votata lo scorso anno dal Parlamento italiano. In base alle nuove norme, i professionisti chimici e fisici che lavorano nel settore pubblico, nelle Agenzie ambientali, nelle Aziende Sanitarie, negli Istituti Zooprofilattici Regionali, devono essere inquadrati nelle professioni sanitarie. E l’incontro svolto a Pescara tra Regione e Ordine dei Chimici e dei Fisici va in questa direzione.