-

galleriafoto

Ti trovi qui:

Home > Home > Notizie > Comunicati stampa

Comunicati Stampa

Conferenza stampa 27.11.2014

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Giugno 2015 11:22

Roma, Palazzo Madama - Sala Caduti di Nassiriya

Si è svolta al Senato, nella sala 'Caduti di Nassiriya' la conferenza stampa di presentazione del Convegno Annuale 2014 dell'Ordine Interregionale dei Chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise. Titolo del Convegno, che si svolgerà il 5 dicembre a Palazzo Chigi, è "Da Aprilia ad Adria: Il rischio chimico nelle aziende rifiuti - Professionalità di tutti gli attori".

altLa conferenza stampa moderata dal dr. Luigi Camilloni direttore di Agenparl ha visto gli interventi del Dott. Fabrizio Martinelli, Presidente dell'Ordine Interregionale dei Chimici di Lazio, Umbria, Abruzzo e Molise, il Senatore Enrico Buemi (Partito Socialista Italiano), il consigliere dell’Ordine dei Chimici di Roma Dott. Renato Presilla, Il Presidente del Consiglio Nazionale dei Chimici, Prof. Armando Zingales e il Presidente della Società Chimica Italiana, Prof. Raffaele Riccio.

Presenti in sala anche i Presidenti dell'Ordine dei Chimici di diverse regioni e il Prof. Paul De Bièvre dell'EuCheMS. La conferenza stampa è stata incentrata sul Rischio Chimico, presente in ogni azienda, che non deve essere un alibi per scaricare sulla Chimica tutte le colpe dei disastri ambientali. Fabrizio Martinelli ha più volte ricordato come il chimico sia visto come colui che deturpa l'ambiente, e la Chimica come una scienza che distrugge. Passa così il messaggio del "chimico cattivo", mentre il chimico professionista -ha affermato Martinelli- è la figura più adatta a interfacciarsi con le imprese per la valutazione del rischio chimico.

E’ fondamentale che i tecnici preposti siano in condizione di fornire all’opinione pubblica le necessarie garanzie per arginare la prevalenza dell’approccio allarmista che troppo spesso per eccesso di zelo prevale in presenza di disastri ambientali, il Presidente Martinelli ha  sottolineato l'imprescindibilità dell'etica nella chimica, proprio a livello ideologico.

altIl senatore Buemi ha ricordato che il ruolo del legislatore è quello di “posizionare l'asticella”: il punto da raggiungere, il punto da non superare e soprattutto le responsabilità. Ha inoltre invitato la politica e la magistratura a non prendere decisioni dettate dall'emotività e dalla demagogia, ma basarsi esclusivamente sui dati raccolti dai tecnici qualificati: troppo spesso le leggi vengono scritte senza coinvolgere chi ha la specifica competenza, e la scienza e la tecnica vengono incatenate esclusivamente dall'allarme rischio ambientale, dimenticando che nella "qualità della vita" c'è anche il lavoro e il miglioramento delle condizioni sociali della popolazione.

Dell'eccessiva inflessibilità dei magistrati, quando si tratta di sostanze chimiche, si è lamentato anche Armando Zingales, che ha ricordato come in Italia alcuni rifiuti vengono erroneamente classificati quali pericolosi, e che i chimici, pur avendo chiesto diverse volte audizione ai politici nella formazione delle leggi, non sono stati ascoltati. "E' importante la cultura, altrimenti diventa difficile avere opinioni obiettive senza certezze fondate" sono state le parole del Presidente CNC, che ha ricordato l’importanza dell'aggiornamento degli scienziati chimici, per i quali è stato introdotto l'obbligo di formazione professionale.

La conferenza stampa si è chiusa con un invito da parte di tutti i relatori ad un miglioramento della formazione universitaria della Chimica, che troppo spesso in Italia lascia a desiderare nel percorso formativo, e che trascura "il miglioramento dell'ambiente in cui si vive" come ha dichiarato il Dottor Martinelli.

 

FEBBRAIO 2014

Ultimo aggiornamento Domenica 30 Novembre 2014 16:45

altCS15MOLISE

 

altCS14UMBRIA

 

altCS13ABRUZZO

 

altCS12LAZIO

 

altCS11ABRUZZO

 

altCS10LAZIO

 

altCS09MOLISE

 

GENNAIO 2014

Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Febbraio 2014 14:53


alt CS08MOLISE

 

alt CS07UMBRIA

 

alt CS06ABRUZZO

 

alt CS05LAZIO

 

alt CS04LAZIO

 

alt CS03UMBRIA

 

alt CS02ABRUZZO

 

alt CS01MOLISE